Prima riunione della “cabina di regia” per Cuneo2020

Prima riunione della “cabina di regia” per Cuneo2020

Si è svolta ieri la prima riunione della cabina di regia per «Cuneo capitale italiana della cultura 2020». Delle 46 città candidate al ministero dei Beni e Attività culturali ne restano 31: Cuneo è tra queste.
A metà settembre, presentando il dossier di adesione, l’assessore alla Cultura Cristina Clerico aveva detto: «Una candidatura ambiziosa, articolata, che coinvolge tanti attori: le città di Mondovì, Saluzzo, Fossano, Savigliano, Atl del Cuneese, associazioni e fondazioni di ogni genere. Dalla cultura vogliamo ripartire, in modo partecipato, mettendo al centro montagna e paesaggio».
Per capire opportunità e risvolti di questo lavoro ci sarà un’occasione unica sabato dalle 15: alla Fiera del Marrone nello stand de «La Stampa» risponderanno alle domande di cuneesi e turisti Andrea Borri (presidente del comitato promotore), Alessandro Isaia (project manager della candidatura) e l’assessore Clerico.
I testimonial della candidatura sono tanti e di primo piano: la campionessa Stefania Belmondo, il cantante dei «Marlene Kuntz» Cristiano Godano, l’ex presidente dell’Accademia di Brera Marco Galateri di Genola, il matematico Piergiorgio Odifreddi, l’ex direttore di Repubblica Ezio Mauro, il maestro Uto Ughi e l’intellettuale Marco Revelli.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn